Come Lavare Le Orecchie Al Cane
Come pulire le orecchie del cane? – Le orecchie del cane hanno una struttura simile a quella degli uomini. Tuttavia, nell’animale il senso dell’udito è molto sviluppato ed è utile anche per orientarsi e difendersi dai possibili pericoli. Particolarmente delicate e sensibili agli attacchi di batteri e parassiti, possono essere soggette a non pochi fenomeni infiammatori.

  • I cani affetti dall’infezione tendono a scuotere spesso la testa, ad inclinarla lateralmente e a grattarsi le orecchie che inizieranno a gonfiarsi e a diventare rosse.
  • Pulire con regolarità il condotto uditivo è quindi di fondamentale importanza per prevenire possibili otiti o il cosiddetto catarro auricolare, un processo infiammatorio caratterizzato da un’eccessiva produzione di cerume.

Occuparsi della pulizia delle orecchie del pet deve diventare un’abitudine da eseguire almeno una o due volte al mese, anche se la frequenza può essere condizionata da diversi fattori come la razza e lo stile di vita dell’animale. È chiaro che se il cane trascorre molte ore all’aperto, rotolandosi nella terra e nelle pozzanghere, è buona norma ravvicinare gli intervalli.

Pulire le orecchie di Fido non è difficile ma, per evitare che possa agitarsi eccessivamente rischiando di farsi davvero male, è bene optare per un ambiente neutro, magari rilassante e piacevole cosicché il cane possa sentirsi a suo agio. Utilizzando un batuffolo di cotone inumidito con una soluzione detergente specifica bisogna tamponare con delicatezza l’esterno e l’interno delle orecchie, facendo attenzione a non andare troppo in profondità.

In alternativa, si può anche utilizzare una garza sterile, muovendosi con estrema cautela tra le fessure e le pieghe, dove di norma si acculano polvere, sporcizia e cerume. Mai usare i bastoncini di cotone (i cotton-fioc): oltre a rendere più duro il cerume potrebbero danneggiare l’apparato uditivo del cane.

Contents

You might be interested:  Come Evitare Che Il Cane Si Lecchi Le Zampe

Come eliminare il cattivo odore dalle orecchie del cane?

5/6 – Pulire con cura le orecchie del cane – Ecco alcuni accorgimenti di fondamentale importanza per evitare di incorrere in queste sgradevoli situazioni: quando lavi il tuo cane, fai attenzione che nelle orecchie non entri acqua o sapone. Se dovesse entrare dell’acqua, non asciugare le orecchie del cane con i cotton fioc, bensì con una garza asciutta: il condotto uditivo del cane infatti, ha una forma a L e con il cotton fioc riusciresti solo a spingere la sporcizia verso l’angolo, favorendo l’insorgenza di un tappo.

Cosa succede se non si puliscono le orecchie?

Rischi – La noncuranza dell’igiene delle orecchie può gravare pesantemente sulla salute di questi organi importantissimi. Infatti, l’accumulo di cerume può causare problematiche di gravità variabile, tra cui l’ostruzione fisica del canale auricolare che si ripercuote negativamente sulla capacità uditiva.

  • Acufeni (ronzii alle orecchie)
  • Male alle orecchie
  • Percezione di suoni “ovattati”
  • Progressiva perdita dell’udito e ipoacusia
  • Rimbombo della propria voce
  • Sensazione di pienezza auricolare
  • Vertigini e sensazione d’instabilità ( sintomi simili, anche se più leggeri, della labirintite )

Da non dimenticare, tuttavia, che la scorretta pulizia delle orecchie aumenta il rischio d’infezione locale, dunque otite e stenosi infiammatoria del canale uditivo esterno. Per preservare la perfetta capacità uditiva, è dunque indispensabile dedicare regolarmente alcuni minuti del proprio tempo alla pulizia delle orecchie.

Quanto costa un lavaggio auricolare?

Lavaggio auricolare: costi e finanziamenti – La pulizia dell’orecchio tramite irrigazione è una seduta che ha generalmente il costo di una visita dall’otorinolaringoiatra. Alcune assicurazioni sanitarie possono coprire in tutto o in parte il costo del lavaggio auricolare.

Perché l’orecchio del cane puzza?

Cattivo odore delle orecchie del cane: scarsa igiene – Una buona igiene è fondamentale per la salute del cane. Alcune razze che hanno determinate caratteristiche fisiche e morfologiche hanno bisogno di maggiori attenzioni poiché tendono ad accumulare sporcizia, come per esempio quelli che hanno molte rughe,

  1. Se ci soffermiamo sulle orecchie, invece, le razze che tendono a soffrire di problemi relativi a cattivi odori o cerume sono quelle con le orecchie lunghe e cadenti o con molto pelo all’interno, come per esempio Basset Hound, Cocker o Barboncino.
  2. Il condotto uditivo, infatti, spesso rischia di restare umido e poco ventilato e inoltre il cerume si accumula facilmente.
You might be interested:  Quando Scendono I Testicoli Al Cane

In questi casi, le orecchie del cane puzzano e l’odore poco gradevole potrebbe nascondere problemi come otite o infezioni secondarie anche gravi. Per pulire le orecchie al cane in maniera corretta dovrai pulire sia il condotto uditivo esterno (per il quale dovrai usare prodotti appositi o una soluzione salina) che il padiglione auricolare con una garza umida o il prodotto indicato dal veterinario.

Inoltre dovrai lavarlo regolarmente con uno shampoo adatto alle sue caratteristiche (età, razza, tipo di pelle e pelo, ecc.) e rispettare la frequenza dei trattamenti parassitari interni ed esterni. La frequenza della pulizia delle orecchie dipenderà dallo stile di vita del cane e dalle sue caratteristiche fisiche,

Se hai un cane che passa molto tempo all’esterno o è particolarmente predisposto a soffrire di otite, potrai pulirgliele anche due/tre volte a settimana, altrimenti una volta sola è sufficiente.

Perché l’orecchio puzza?

TAMPONE AURICOLARE – Come si è visto, uno dei segni tipici del colesteatoma è l’otorrea maleodorante. Il cattivo odore è dovuto alla presenza, nella secrezione, di un batterio, lo Pseudomonas, Per identificare questo germe, responsabile di infezioni croniche a livello del canale uditivo, serve un tampone auricolare sul quale svolgere le opportune indagini di laboratorio.

Quante volte si devono pulire le orecchie al cane?

Pulire le orecchie del cane almeno una volta a settimana. Se l’animale ha una naturale predisposizione alle otiti e alle infezioni è bene seguire sempre i consigli del veterinario.

Come pulire le orecchie al cane con l’acqua ossigenata?

I meccanismi di difesa naturali dell’orecchio: il cerume e i peli. – Una barriera meccanica contro corpi estranei, sono i peli, quando presenti, nel padiglione e prima parte del canale auricolare, Togliere o strappare i peli delle orecchie del cane è un errore ! Non solo ne fa aumentare la temperatura, ma riduce anche quella barriera contro possibili insetti o corpi estranei che, senza questo ostacolo, potrebbero penetrare senza fatica, per arrivare fino al timpano.

L’ orientamento dei peli delle orecchie, infatti consente all’eventuale corpo inanimato di essere veicolato verso l’esterno dell’orecchio. Il cerume è costituito da una combinazione di cellule di desquamazione, sostanze grasse e minerali (amminoacidi, proteine e acidi grassi). Le percentuali di sostanza grassa variano moltissimo da soggetto a soggetto.

Ha la funzione di lubrificare la parete dell’orecchio, impedendo la possibilità di adesione di corpi estranei, Nell’ orecchio sano, inoltre sono presenti batteri e miceti (come Malassezia e Candida Albicans, commensali normalmente presenti) che convivono in un equilibrio stabile che partecipa al mantenimento dello stato di salute dell’orecchio. orecchio sano, al cane non è mai stata fatta alcuna pulizia dell orecchie. Ecco perché è assolutamente errato pulire in continuazione le orecchie del cane, Togliere la naturale protezione del cerume significa farne produrre di più e alterare l’equilibrio chimico del condotto auricolare e del padiglione,

Inoltre, l’utilizzo di prodotti eccessivamente aggressivi o battericidi, crea una predisposizione per la crescita di batteri maggiormente resistenti. In rete si trova spesso l’indicazione di utilizzare l’acqua ossigenata per disinfettare le orecchie. Questa pratica è assolutamente inutile ed anzi potrebbe potenzialmente essere dannosa se utilizzata in un orecchio sano e senza cerume in eccesso, perché potrebbe penetrare troppo in profondità.

In caso di presenza di cerume invece, questo rimedio risulta totalmente inefficace in quanto non riesce a scioglierlo. Il fatto di sbiancarlo infatti non è indice di efficacia, la sua componente lipidica non viene intaccata da questa sostanza.